a

venerdì 19 gennaio 2018

Infanrix Hexa e morte improvvisa: una revisione dell’aggiornamento dei rapporti periodici della sicurezza presentati all’Agenzia Europea per i Medicinali

stampa la pagina
infanrix_exa_dead_morti
Jacob Puliyel, C Sathyamala
pubblicato il 5/09/2017

Abstract
Ci sono stati diversi rapporti spontanei di morte improvvisa inattesa subito dopo la somministrazione di Infanrix hexa (vaccino combinato di difterite, tetano, pertosse acellulare, poliomielite inactivata, epatite B e Haemophilus influenzae tipo B). Il produttore, GlaxoSmithKline (GSK), presenta relazioni confidenziali periodiche di aggiornamento sulla sicurezza (PSUR) su Infanrix Hexa all’Agenzia europea dei medicinali (EMA). L’ultimo è il PSUR * 19 [PSUSA * secondo la recente denominazione]. Ogni PSUR contiene un’analisi di morti improvvise osservate/ attese, che dimostra che il numero di morti osservate subito dopo l’immunizzazione è inferiore a quelle previste per caso.
Questo commento si concentra su quell’aspetto del PSUR che influisce sulle decisioni politiche. Abbiamo analizzato i dati forniti nei PSUR. E’ evidente che le morti riconosciute nel PSUR 16 sono state eliminate dal PSUR 19. Il numero di morti osservate subito dopo la vaccinazione nei bambini di età superiore ad un anno era significativamente superiore a quello previsto per caso una volta che le morti cancellate sono state ripristinate e incluse nell’analisi.
Il produttore deve spiegare le cifre che sono state presentate alle autorità regolatorie. Le procedure intraprese dall’EMA per valutare le segnalazioni del fabbricante nel PSUR devono essere rivedute. Il Controllore Generale dei medicinali dell’India accetta quasi automaticamente i farmaci e i vaccini approvati dall’EMA. C’è bisogno di rivedere la fiducia in merito alla diligenza da parte dell’EMA.
Introduzione
Il 23 ottobre 2000, la commercializzazione di due esavalenti vaccini, Infanrix hexa® (GlaxoSmithKline plc-GSK) ed Hexavac® (Sanofi Pasteur MSD, SNC), che combinano la difterite, il tetano, la pertosse acellulare, l’epatite B, la poliomielite inattivata e l’influenza Haemophilus tipo B è stata autorizzata nell’Unione europea. Dopo l’autorizzazione, ci sono stati diversi rapporti spontanei di morte improvvisa inaspettata subito dopo la somministrazione di questi vaccini esavalenti. Nel 2005 von Kries e colleghi (1) hanno eseguito un’analisi dettagliata in cui hanno confrontato le morti osservate subito dopo la vaccinazione con le morti attese casuali. Hanno trovato che il rapporto di mortalità standardizzato (SMR) entro due giorni dalla vaccinazione di Hexavac era significativamente aumentato nei bambini vaccinati nel secondo anno di vita.
Questo non era il caso di Infanrix Hexa. Su richiesta del titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio, l’Hexavac è stato ritirato nel 2005 e l’Infanrix Hexa ha continuato ad essere commercializzato in Europa (2). Secondo la legge europea, l’Agenzia europea dei medicinali (EMA) è responsabile per la protezione della salute pubblica attraverso la valutazione dei medicinali da essa approvati come autorità di regolamentazione. I produttori sono responsabili dell’efficacia, qualità e sicurezza dei loro farmaci (3).
La corte italiana del giudice Nicola Di Leo ha reso disponibili al pubblico i rapporti confidenziali periodici di aggiornamento sulla sicurezza (PSUR) 15 e 16a dal 2009 al 2011 della GlaxoSmithKline (4). Il PSUR 19 (che incorpora i PSUR 17, 18 e 19, datato 15 gennaio 2015) è stato ottenuto dalla dottoressa LB dall’EMA ai sensi dell’articolo 3 delle regole EMA (EMA 110196/2006 del 30 novembre 2010) (5). La dottoressa LB ha inviato questo PSUR al primo autore (JP), chiedendogli di scrivere un rapporto da presentare al Parlamento europeo. Questo commento è basato su tutti questi PSURs. Nel contesto dell’aspetto della sicurezza precedentemente evidenziato da von Kries (1), questo commento esamina la morte improvvisa dopo l’uso del vaccino Infanrix Hexa. Altri aspetti trattati nei PSUR non sono esaminati.

PSUR 15 – raggruppamento di morti dopo la vaccinazione
La maggior parte delle morti che si verificano nel periodo post-neonatale sono dovute alle infezioni, ai difetti congeniti, malignità o incidenti. Raramente i bambini muoiono senza una causa evidente e così le morti sono classificate come (i) sindrome della morte improvvisa (SIDS), definito nel PSUR come morte che si verifica nel primo anno di vita e rimane inspiegabile dopo l’autopsia, o (ii) morte improvvisa inaspettata (SUD), definita come la morte che si verifica entro i primi due anni di vita, e che rimane inspiegabile dopo storia clinica e finale degli eventi, ma senza autopsia. Insieme, questi due sono considerati come morte improvvisa (SD) nel PSUR 15.
Un determinato numero di vaccini viene somministrato in un dato giorno a bambini sotto i 2 anni e il numero dei bambini vaccinati in tutto il mondo è molto grande. È possibile che casualmente alcuni bambini vaccinati possano morire di SIDS / SUD incidentalmente, tali eventi si sarebbero verificati anche se questi bambini non fossero stati vaccinati in quel giorno. Per accertare se una tale morte è stata causata dalla vaccinazione o era un evento incidentale, viene eseguita un’analisi di SD osservata / attesa. L’analisi valuta se il numero di decessi osservato dopo la vaccinazione supera quello che si può prevedere per caso.
Morti improvvise: osservate verso attese
Il PSUR 15 spiega come questa analisi è stata eseguita (4: p 782): “La Società ha valutato se il numero di morti improvvise riportate in questa fascia di età che hanno superato il numero uno potevano verificarsi casualmente. Poiché la distribuzione dell’età in cui i soggetti sono stati vaccinati è sconosciuta, la società ha assunto che la proporzione di eventi avversi per età è rappresentativa dell’effettiva distribuzione dell’età alla vaccinazione. Si può quindi stimare che il 90,6% di tutti i destinatari di Infanrix Hexa  erano nel loro primo anno di vita, e il 9,4% era nel secondo anno di vita. Quindi il numero delle dosi (dal lancio) è stato stimato pari a 54.927.729 e 5,698,904, rispettivamente. Dato che la Germania è il paese principale dove vengono distribuite le dosi Infanrix Hexa (quasi il 30% solo in Germania), si è supposto che l’incidenza di morte improvvisa osservato in Germania fosse rappresentativo dell’intera popolazione di destinatari di Infanrix Hexa (Ufficio federale tedesco della Statistica, Statistisches Bundesamt; tasso di incidenza nel primo anno di vita: 0,454 / 1000 nascite vive; secondo anno: 0.062 / 1000 nascite vive, dati 2008).
“Il PSUR documenta la morte riportata entro 20 giorni dalla vaccinazione. Il numero di morti osservate era inferiore a quello previsto (tabella 1).
psur_morti_documentateTuttavia, tra i neonati, c’era un raggruppamento delle morti immediatamente dopo la vaccinazione, con 42 morti che si verificavano nei primi tre giorni dopo la vaccinazione e solo 8 nei prossimi 3 giorni. Tra coloro che avevano meno di un anno di età, 54 morti (93%) si sono verificati nei primi dieci giorni e 4 (7%) nei successivi 10 giorni. Se le morti fossero state “morti casuali di SIDS”, questa disparità nel numero di decessi nei due periodi di tempo non sarebbe stato osservato.
Le morti per SIDS sarebbe state distribuite uniformemente nel periodo di 20 giorni.
Il fatto che il tasso di morti diminuisce rapidamente con il passaggio del tempo che segue l’immunizzazione, suggerisce che le morti potrebbero essere correlate alla vaccinazione.
Allo stesso modo, tra i bambini di età superiore a un anno, 5 morti (83,3%) si sono verificati nei primi 10 giorni e si è verificata una morte (17%) nei successivi 10 giorni. Il raggruppamento dei decessi riportati nello PSUR 15 è stato notato anche nel PSUR 16, e questo è stato commentato in precedenza (6).
La risposta di GlaxoSmithKline
In risposta a questa critica (7), l’amministratore delegato (CEO) di GlaxoSmithKline (GSK), Sir Andrew Witty, attraverso il dottor Norman Begg, Chief Medical Officer della società, , ha suggerito in una lettera che c’è molta più probabilità di pensare ad una potenziale associazione causale e quindi  di segnalare un evento avverso a GSK se si verifica poco dopo la vaccinazione piuttosto che se si verifica settimane dopo. Ha inoltre scritto: “Alla luce di quanto sopra, rimaniamo fiduciosi nelle conclusioni precedentemente raggiunte da GSK e condivise con le agenzie regolatorie e le autorità sanitarie in tutto il mondo, che i dati attualmente disponibili non suggeriscono un aumentato il rischio di morte improvvisa infantile dopo la vaccinazione con Infanrix hexa. Se i dati e le informazioni disponibili cambiassero e suggerissero che ci sia un aumento del  rischio, rimaniamo impegnati a notificare prontamente le autorità e a prendere le azioni necessarie per comunicare tali dati e informazioni agli operatori sanitari “.
Questa risposta contiene una tacito ammissione che non c’era la vigilanza attiva durante il periodo post-vaccinazione e solo le morti segnalate spontaneamente a GSK sono state incluse sotto la voce “morti osservate”. Ciò potrebbe causare una sottovalutazione delle morti dopo la vaccinazione. È da notare che per “morti attese” viene utilizzato il numero di dosi di vaccino distribuito. Nel report è riconosciuto che tutte le dosi del vaccino distribuito non sono state necessariamente utilizzate. In questo modo, le cifre di “morti attese” sono risultate gonfiate.
Tuttavia, vista la spiegazione e la garanzia del CEO che la GSK si è impegnata a notificare prontamente alle autorità e professionisti del settore sanitario di qualsiasi aumento del rischio con Infanrix Hexa, la questione del raggruppamento delle morti non è stata indagata ulteriormente.
PSUR 16: raddoppiamento delle morti attese
Se tutti i bambini che hanno ricevuto la prima dose del vaccino ricevono in tutto quattro dosi e l’ultima dose è somministrata nel secondo anno di vita, allora si può stimare che un quarto (25%) delle dosi vengono somministrate a bambini di età superiore ad un anno. Questo è il programma vaccinale raccomandato in Germania. Tuttavia, alcuni paesi, come l’Italia, consigliano solo tre dosi, tutte nel primo anno e nessuna nel secondo. Inoltre, non tutti i bambini ricevono tutte le dosi raccomandate. Quindi è improbabile che il 20% -25% delle dosi venga utilizzato nel secondo anno. Nel PSUR 15, è stato stimato che il 90,6% delle dosi vendute venisse utilizzato in neonati sotto l’anno di età e il 9,4% per quelli al di sopra di un anno di età. Nel PSUR 16, la stima delle dosi ricevute il secondo anno è più che raddoppiato (dal 9,4% al 20%), e quindi la stima delle morti attese è raddoppiata. Nonostante il raddoppiamento del le morti attese, il numero di morti osservate nel secondo anno era superiore a quello atteso nei primi 3 giorni dopo la vaccinazione (Tabella 36, p249). Se la stima nel PSUR 15 che il 9,4% delle dosi vengono utilizzate nel secondo anno è corretta, ciò vale anche per il PSUR 16, e quindi le morti osservate risultano superiori alle morti attese nei primi 7 giorni.
PSUR 19: le morti previste ponderate per paese e proporzione annuale delle dosi
Nel PSUR 19, una media ponderata in base al calendario dei tassi d’incidenza di morti improvvise  tedesca, francese e olandese è stata calcolata per arrivare all’incidenza attesa di morti improvvise.
In termini molto semplici, questo significa che se il 60% della dosi sono state distribuite in Germania in un determinato anno, al tasso di SD (Sudden Death) in Germania è stato dato un peso del 60% al momento del calcolo del tasso di SD complessivo per quell’anno; se il 30% è stato distribuito in Francia, il tasso di SD in Francia ha contribuito per il 30%, e il peso del 10% è stato dato al tasso SD olandese. Infine, il tasso globale di SD è stato calcolato per tutti gli anni insieme.
Il tasso complessivo di SD è stato calcolato come 0.0102 / 1000 nascite vive per il secondo anno. Questa cifra è un sesto della frequenza attesa utilizzata nei PSUR 15 e 16 (che calcolavano le morti improvvise a 0,062 / 1000 nascite vive, utilizzando i dati tedeschi).
L’intervallo di confidenza (CI) di Poisson del 95% delle morti osservate nel secondo anno è riportato nella tabella 8 a p 447 del PSUR 19. È riportato che per il secondo anno di vita, il numero di morti osservate era più elevato, anche se non significativamente, di quello delle morti attese entro un periodo di rischio di 1-4 giorni dopo la vaccinazione.
Morti mancanti nel PSUR 19
Dal PSUR 16 al PSUR 19, le dosi totali del  vaccino sono salite da 69 a 112 milioni. Secondo il PSUR 19, è stato assunto che  il 20,2% delle dosi distribuite sia stato somministrato ai bambini nel secondo anno di vita (PSUR 19, pp 436-448). I casi di morte in cui l’età della vaccinazione non era noto, la data del decesso non era registrata, o il tempo del decesso superava i 19 giorni dalla vaccinazione, sono stati esclusi.
Il PSUR 19 (morti fino al 22 ottobre 2014) non segnala le morti improvvise menzionate nel PSUR 16 (casi di morte che sono avvenuti fino al 22 ottobre 2011). È da notare che nel PSUR 16 l’età del bambino morto dopo la vaccinazione e il tempo del decesso (entro 14 giorni dalla vaccinazione) sono stati entrambi registrati.
Le morti cumulative riportate sono più basse nel PSUR 19 rispetto al PSUR 16. Quanto ai bambini al di sopra di un anno, il PSUR 19 registra il verificarsi di soli 5 morti nei primi 19 giorni dopo la vaccinazione, mentre il PSUR 16 ne riporta 8. I numeri non sono coerenti tra di loro. Ci chiediamo perché sia così.
Dieci anni dopo la pubblicazione dell’articolo del CDC (Centro per il Controllo delle Malattie) che  esaminava il rapporto tra il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia (MMR) e autismo (8), uno degli autori, William Thompson, ha ammesso che lui e i suoi co-autori hanno omesso di mostrare informazioni statisticamente significative che maschi afro-americani che avevano ricevuto l’MMR prima dell’età di 36 mesi presentavano un aumento del rischio di autismo (9). Gli autori hanno cancellato i dati dei bambini che non avevano il certificato di nascita in Georgia (10), in modo da escludere uno sproporzionato numero di bambini neri, e hanno presentato i loro dati in modo da dimostrare che non vi era stato un aumento del rischio.
Non è chiaro se gli autori del PSUR 19 hanno similmente escluso bambini morti e documentati nel PSUR 16.
La tabella 3 presenta le morti osservate e attese riportate nel PSUR 19 e le morti osservate dopo il ripristino delle morti riportate nel PSUR 16.
Quando vengono utilizzati i dati delle morti osservate nel PSUR 16, il numero di morti osservate è significativamente superiore al previsto per i primi quattro giorni dopo la vaccinazione. Dev’essere tenuto presente, come spiegato in precedenza, che poiché il numero delle morti osservate è raccolto in modo passivo, è probabile che sia sottostimato. Le morti attese, d’altra parte, sono probabilmente sovrastimate in quanto vengono calcolate con il presupposto che tutte le dosi distribuite siano state utilizzate senza alcuna perdita e nessun vaccino sia stato scartato perché scaduto. GSK avrebbe dovuto segnalare l’aumento del rischio statisticamente significativo di morte nei quattro giorni dopo la vaccinazione all’autorità regolatoria e  ai medici.
Le dosi utilizzate nel secondo anno
Il PSUR 19 presuppone che il 20,2% delle dosi sia stato utilizzato il secondo anno. Esso afferma che la distribuzione dell’età in cui i soggetti sono vaccinati è sconosciuta, e l’azienda ha ipotizzato che la proporzione di eventi avversi (tra cui la morte) per età è rappresentativo della distribuzione effettiva dell’età alla vaccinazione. Così, poiché il 20,2% degli eventi avversi si è verificato nei bambini al di sopra di un anno di età, la società ha assunto che il 20,2% delle dosi siano state usate per questo gruppo di età.
È facile stimare il numero di dosi utilizzate nel secondo anno sulla base degli eventi avversi osservati (compresa la morte), poi utilizzare questa stima delle dosi per calcolare il numero di morti attese, e infine confrontarlo con il numero di morti osservate – dato che la stima delle morti attese è calcolata in primo luogo dagli eventi negativi osservati (inclusa la morte).
Supponendo che tutte le morti dopo la vaccinazione siano di SIDS / SUD coincidenti e non causali correlate al vaccino, e dato che (secondo il PSUR 19) la frequenza naturale della morte improvvisa nel primo anno è 44 volte superiore a quella nel secondo anno (0.441 / 1000 nel primo anno e 0.0102 / 1000 nel secondo anno), devono essere vaccinati 44 volte in più di bambini nel secondo anno per raggiungere lo stesso numero di morti come nel primo anno.
In una coorte di 100 morti, se il 20% di morti improvvise si verificano nel secondo anno e l’80% nel primo anno, 880 bambini [20 x 44 N.d.T.] devono essere vaccinati nel secondo anno per ogni 80 vaccinati nel primo anno. In questo caso, si verrebbe ad assumere che il 91% di tutte le dosi di Infanrix hexa sarebbe stato utilizzato nel secondo anno e solo il 9% nel primo anno (invece del contrario). Ciò riflette l’assurdità di calcolare la distribuzione della dose per età, sulla base della distribuzione dell’età degli eventi avversi, come fatto nel documento GSK.
L ‘unico modo per valutare il numero di dosi utilizzate nel secondo anno è quello di esaminare i programmi di vaccinazione in differenti paesi – guardando quali paesi consigliano la quarta dose nel secondo anno e quali non consigliano le dosi nel secondo anno. Può essere assegnato un peso per il numero di dosi distribuite in questi paesi. Il tasso di abbandono (bambini che abbandonano il programma di vaccinazione dopo aver ricevuto le prime dosi di vaccino) devono essere considerate anche nel calcolo finale della percentuale di dosi utilizzate nel secondo anno. Sembrerebbe che una stima ragionevole delle dosi utilizzate nel secondo anno sia il 9,4% delle dosi totali e questa è la cifra utilizzata il PSUR 15.
Il dilemma etico – il problema del carrello
Questo commento non cerca di esaminare se questi eccessivi decessi dopo la vaccinazione (presumibilmente causati dal vaccino) può essere compensato dalle vite salvate dalla malattia con la prevenzione ottenuta con il vaccino. Nel suo classico esperimento mentale, chiamato il “dilemma del carrello” (trolley dilemma), Philippa Foot chiede se è etico reindirizzare un carrello sfuggito da una pista ferroviaria che avrebbe ucciso cinque persone in un’altra pista dove solo uno sarebbe morto (11). In una variante del dilemma del carrello, la persona singola sulla pista alternativa è il figlio della persona che può commutare le piste.  Judith Thomson assume che le vite cinque possono essere salvate con trapianti di organi da un donatore sano, e chiede se sarebbe etico uccidere intenzionalmente una persona per salvare gli altri cinque (12). Gli etici sostengono che il fine non può giustificare i mezzi. Se si cela la morte dopo la vaccinazione, si può impedire / ritardare la valutazione del profilo di sicurezza del vaccino e questo ha il potenziale di causare più morti inutili, difficilmente giustificabili eticamente.
Rilevanza per l’India
L’autorità regolatoria del governo dell’India è la Drug Controller General of India (DCGI). Secondo le regole del DCGI, i farmaci approvati in uno o più paesi, ad esempio Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Giappone, Australia e paesi dell’Unione europea, vengono approvati anche in India (13). Sono necessari solo studi integrativi per la valutazione dell’impatto di fattori etnici sull’efficacia, sicurezza, dosaggio e regimi di dosaggio dei farmaci (14).
Recentemente, studi che esaminano l’immunogenicità e la sicurezza del vaccino combinato esavalente in piccole sperimentazioni sono stati pubblicati  in India (15,16). Inoltre, Indian Pediatrics ha pubblicato un editoriale intitolato “vaccinazioni esavalenti: il futuro dell’immunizzazione di routine?” (17), il quale ha suggerito che questo vaccino combinato  sarebbe stato promosso in India. È fondamentale che l’autorità regolatoria in India sia consapevole delle preoccupazioni sollevate in questo commento sui rapporti PSUR, in particolare perché i sistemi di sorveglianza in India sono deboli.
Sommario e conclusione
Von Kries (1) riportò un aumento statisticamente significativo del SMR   nei bambini nel loro secondo anno di vita, entro due giorni dalla vaccinazione con Hexavac® (uno dei due vaccini esavalenti autorizzati, ora ritirato).
Nelle relazioni periodiche di aggiornamento sulla sicurezza, GSK, la società di produzione di Infanrix hexa, valuta se il numero delle morti improvvise riportate dopo la vaccinazione con il loro farmaco, ha superato il numero che potrebbe essere previsto per caso. Il raggruppamento delle morti subito dopo l’immunizzazione suggerisce che la morte potrebbe essere stata causata dal vaccino.
Inoltre, la nostra analisi mostra che le morti riconosciute nel PSUR 16 sono state eliminate dal PSUR 19. Le morti osservate vengono segnalate spontaneamente al GSK e sono probabilmente sottostimate. Aggiungendo le morti cancellate dal PSUR 16, esiste un aumento del rischio di morte statisticamente significativa nei primi quattro giorni dopo la vaccinazione, rispetto alle morti attese. I produttori dovranno spiegare perché queste morti non sono state incluse nel PSUR 19. L’aumento del rischio di morte non è stato comunicato all’autorità regolatoria o al personale sanitario che somministra questo vaccino.
Tenuto conto di quanto detto sopra, è difficile capire come l’EMA possa aver accettato il PSUR 19 a titolo nominale. Si può sostenere che non è stata esercitata la dovuta diligenza, per cui numerosi bambini sono stati esposti inutilmente al rischio di morte.
Il DCGI deve essere messo a conoscenza delle limitazioni presenti nel PSUR di Infanrix Hexa.

– Riferimenti –
  1. von Kries R, Toschke AM, Strassburger K, Kundi M, Kalies H, Nennstiel U, Jorch G, Rosenbauer J, GianiG. Sudden and unexpected deaths after the administration of hexavalent vaccines (diphtheria, tetanus, pertussis, poliomyelitis, hepatitis B, Haemophilus influenzae type b): is there a signal? Eur J Pediatr. 2005 Feb; 164(2):61-9. Epub 2004 Dec 16.
  2. European Medicines Agency (EMEA). Press Release. EMEA recommends suspension of Hexavac. London, September 20, 2005. Doc. Ref. EMEA/297369/2005 [cited 2017 May 12]. Available from: https://lakemedelsverket.se/upload/nyheter/2005/PressmedEMEA%5B1%5D.pdf
  3. Directive 2001/83/EC of the European Parliament and of the Council of November 6, 2001 on the community code relating to medicinal products for human use. Official Journal L–311, 28/11/2004, p. 67-128 [cited 2017 May 3]. Available from: http://www.ema.europa.eu/docs/en_GB/document_library/Regulatory_and_procedural_guideline/2009/10/WC500004481.pdf
  4. GlaxoSmithKline Biological clinical safety and pharmacovigilance’s confidential report to the EMA: PSUR 15 and PSUR 16 [cited 2017 Aug 1]. Available from: http://autismoevaccini.files.wordpress.com/2012/12/vaccin-dc3a9cc3a8s.pdf
  5. GlaxoSmithKline Biological clinical safety and pharmacovigilance’s confidential report to the EMA: PSUR 19 [cited 2017 Aug 1]. Available from: http://ijme.in/wp-content/uploads/2017/09/infanrix-pusr.pdf
  6. Puliyel J. PubMed Commons comment on Baldo V, Bonanni P, Castro M, Gabutti G, Franco E, Marchetti F, Prato R, Vitale F. Combined hexavalent diphtheria-tetanus-acellular pertussis-hepatitis B-inactivated poliovirus-Haemophilus influenzae type B vaccine; Infanrix hexa™: twelve years of experience in Italy. Hum Vaccin Immunother. 2014 [cited 2017 Aug 1]; 10(1):129-37. doi: 10.4161/hv.26269. Epub 2013 Sep 4. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24004825#cm24004825_8656.
  7. Sir Andrew Witty, CEO GlaxoSmithKline, responds through Norman Begg, Chief Medical Officer, GSK Vaccines, to Infanrix controversy related to PSUR 16 [cited 2017 Aug 1]. Available from: http://ijme.in/wp-content/uploads/2017/09/infanrix-gsk-cmo-response.pdf
  8. DeStefano F, Bhasin TK,  Thompson WW,  Yeargin-Allsopp M,  Boyle C. Age at first measles-mumps-rubella vaccination in children with autism and school-matched control subjects: a population-based study in metropolitan Atlanta. Pediatrics. 2004 Feb; 113(2):259-66.
  9. Morgan FM. Statement of William W Thompson, PhD, regarding the 2004 article examining the possibility of a relationship between MMR and autism dated August 27, 2015 [cited 2017 Aug 3]. Available from: https://leftbrainrightbrain.co.uk/2014/08/28/statement-of-william-w-thompson-ph-d-regarding-the-2004-article-examining-the-possibility-of-a-relationship-between-mmr-vaccine-and-autism/
  10. CDC. CDC Statement Regarding 2004 Pediatrics Article, “Age at first measles-mumps-rubella vaccination in children with autism and school-matched control subjects: a population-based study in metropolitan Atlanta”[cited 2017 Aug 2]. Available from: https://www.cdc.gov/vaccinesafety/concerns/autism/cdc2004pediatrics.html
  11. Foot PR. The problem of abortion and the doctrine of the double effect. In: Virtues and vices. Oxford: Basil Blackwell; 1978.
  12. Thomson JJ. The trolley problem. The Yale Law Journal. 1985 May; 94(6):1395-415.
  13. Central Drugs Standard Control Organisation Delhi. Guidelines on approval of clinical trial and new drugs. Available at http://www.cdsco.nic.in/writereaddata/Guidance_for_New_Drug_Approval-23.07.2011.pdf Accessed on 2 August 2017
  14. Liu JP, Chow SC. Bridging studies in clinical development. J Biopharm Stat. 2002; 12:359-67.
  15. Chhatwal J, Lalwani S, Vidor E. Immunogenicity and safety of a liquid hexavalentvaccine in Indian infants. Indian Pediatr. 2017 Jan 15; 54(1):15-20. Epub 2016 Nov 5.
  16. Lalwani SK, Agarkhedkar S, Sundaram B, Mahantashetti NS, Malshe N, Agarkhedkar S, Van Der Meeren O, Mehta S, Karkada N, Han HH, Mesaros N. Immunogenicity and safety of 3-dose primary vaccination with combined DTPa-HBV-IPV/Hib in Indian infants. Hum Vaccin Immunother. 2017 Jan 2; 13(1):120-7. doi: 10.1080/21645515.2016.1225639. Epub 2016 Sep 15.
  17. Shashidhar A. Hexavalent vaccinations: the future of routineimmunization? Indian Pediatr. 2017 Jan 15; 54(1):11-13.
Il PDF dello studio

mercoledì 17 gennaio 2018

MEDICI CONTRO I VACCINI - ASCOLTA CHI HA FATTO LA RICERCA

stampa la pagina

medici_contro_i_vaccini_ascolta_la_ricerca

I





l grande pubblico condivide un malinteso comune: tutti i medici, o tutti i "veri medici" sostengono la vaccinazione.



Traduzione a cura di: Vivere in modo naturale
Fonte: www.organiclifestylemagazine.com
Anche se è vero che la maggior parte dei medici sostiene i vaccini, non tutti lo fanno.
La maggior parte dei medici sostiene ciecamente le raccomandazioni dell'American Medical Association e dell'American Academy of Pediatrics. 
I medici sono addestrati nella somministrazione di vaccini, non nel modo in cui sono fatti. 
Ci sono alcuni medici che scelgono di fare da soli la ricerca per sviluppare un'opinione informata sull'argomento. Questi medici che diventano ben informati sui vaccini di solito diventano anti-vaccino. Un po 'di conoscenza fa molta strada.
Senza dubbio viviamo nell'era dell'autismo, ma è anche l'età della malattia cronica. Uno su 88 bambini viene diagnosticato con autismo, mentre la metà di tutti i bambini ora lotta con malattie croniche come l'asma, il diabete, l'ADHD, ecc. Questo aumento della malattia è correlato al drammatico aumento dei vaccini somministrati ai nostri bambini insieme a una crescente esposizione ad altri prodotti chimici tossici.

image-10664
Dr. Russell Blaylock

Dr. Russell BlaylockDr. Blaylock è un uomo che indossa molti cappelli. È un neurochirurgo certificato di bordo che possiede una pratica nutrizionale. Il dottor Blaylock è un operatore sanitario, docente e autore. Ha praticato la medicina per 25 anni prima di proseguire i suoi studi nutrizionali e la ricerca a tempo pieno.
Cosa succede al cervello con la vaccinazione?
Sembra che il cervello sia sempre trascurato quando i farmacologi considerano gli effetti collaterali di vari farmaci. Lo stesso vale per le vaccinazioni. Per molto tempo nessuno ha considerato l'effetto di ripetute vaccinazioni sul cervello. Questo si basava su una conclusione sbagliata che il cervello fosse protetto dall'attivazione immunitaria attraverso il suo speciale gateway protettivo chiamato barriera emato-encefalica. Studi più recenti hanno dimostrato che le cellule immunitarie possono entrare direttamente nel cervello e, cosa più importante, il sistema immunitario speciale del cervello può essere attivato dalla vaccinazione.
Vedete, il cervello ha uno speciale sistema immunitario che opera attraverso un tipo unico di cellula chiamata microglia.
Queste minuscole cellule sono sparse per tutto il cervello, distese dormienti in attesa di essere attivate. Infatti, sono attivate ​​da molti stimoli e sono abbastanza facili da attivare. Per la nostra discussione, l'attivazione del sistema immunitario del corpo attraverso la vaccinazione è uno stimolo più importante per l'attivazione della microglia del cervello.
Numerosi studi hanno dimostrato che quando viene attivato il sistema immunitario del corpo, vengono attivate anche le cellule immunitarie del cervello. Ciò si verifica in diversi percorsi, non importanti per questa discussione. Più potente è il sistema immunitario del corpo che viene stimolato, più intensa è la reazione del cervello. L'attivazione prolungata del sistema immunitario produce anche un'attivazione prolungata del sistema immunitario del cervello.
Qui sta il pericolo della nostra attuale politica sui vaccini.
L'American Academy of Pediatrics e l'American Academy of Family Practice hanno entrambi approvato un elenco crescente di vaccini per bambini, anche neonati, nonché vaccinazioni antinfluenzali annuali per bambini e adulti. I bambini ricevono ben 22 inoculazioni prima di andare a scuola.
Cosa succede quando il sistema immunitario del cervello è attivato?
Le cellule del sistema immunitario del cervello, una volta attivate, iniziano a muoversi sul sistema nervoso, secernendo numerosi agenti immunitari (chiamati citochine e chemochine) e riversando un'enorme quantità di radicali liberi nel tentativo di uccidere gli organismi invasori. Il problema è che non ci sono organismi invasori. È stato ingannato dal vaccino facendologlielo credere.
A differenza del sistema immunitario del corpo, la microglia secerne anche altre due sostanze chimiche che sono molto distruttive nelle cellule cerebrali e dei loro processi di connessione. Questi prodotti chimici, glutammato e acido chinolinico, sono chiamati eccitotossine. Inoltre aumentano drasticamente la generazione di radicali liberi nel cervello. Studi condotti su pazienti hanno dimostrato che i livelli di queste due eccitotossine possono salire a livelli molto pericolosi nel cervello a seguito di infezioni virali e batteriche del cervello. Si ritiene che i livelli elevati di acido chinolinico nel cervello siano la causa della demenza osservata con l'infezione da HIV.
Il problema con la nostra attuale politica sui vaccini è che tanti vaccini vengono somministrati così vicini e in un periodo così lungo che il sistema immunitario del cervello viene costantemente attivato. Questo è stato dimostrato sperimentalmente in numerosi studi. Ciò significa che il cervello sarà esposto a grandi quantità di eccitotossine e delle citochine immunitarie nello stesso periodo.
Gli studi su tutti questi disturbi, anche nell'autismo, hanno mostrato alti livelli di citochine immunitarie ed eccitotossine nel sistema nervoso. Questi prodotti chimici distruttivi, così come i radicali liberi che generano, sono diffusi in tutto il sistema nervoso facendo danni, un processo chiamato lesioni di terzo istante. È come lanciare una bomba in mezzo alla folla. Non solo alcuni saranno uccisi direttamente dall'esplosione, ma quelli lontani nel raggio dell'esplosione saranno uccisi dalle schegge.
Normalmente, il sistema immunitario del cervello, come quello del corpo, si attiva rapidamente e si spegne immediatamente per minimizzare il danno dell'ostetrico. La vaccinazione non permetterà alla microglia di spegnersi. Nel cervello in via di sviluppo, questo può portare a problemi di linguaggio, disfunzione comportamentale e persino demenza. Nell'adulto, può portare alla Sindrome della Guerra del Golfo o ad una delle più comuni malattie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson, la demenza di Alzheimer o la malattia di Lou Gehrig (SLA).

image-10665
Dr. Jay GordonDr. Jay Gordon

Nel 1980, ho abbandonato il programma vaccinale raccomandato. Ho ricevuto dozzine e dozzine di telefonate da mamme e papà che hanno riferito che il loro bambino aveva ricevuto vaccini un paio di giorni prima e si comportavano in modo un po 'diverso. Non riuscivano a metterci il dito sopra, ma il loro bambino non parlava proprio come prima. Chiedevano se questo andava bene ... era normale? Inizialmente, come sono stato addestrato a fare, ho risposto di sì. Dopo dozzine, dozzine e decine di telefonate, ho deciso che avrei fatto meglio ad ascoltare queste mamme molto di più.
Ho fermato alcuni vaccini. Ho ritardato gli altri.
No, non sono "anti-vaccinazione".
Sono consapevole delle implicazioni per la salute pubblica di abbandonare completamente il nostro attuale programma vaccinale, e certamente non lo sostengo. Quello che voglio veramente è una discussione onesta sui rischi e sui benefici di ciascun vaccino e combinazioni di vaccini per il tuo bambino. Solo tuo figlio. La mia esperienza è che molti genitori non hanno l'opportunità di discutere questi concetti e questi dettagli con i loro medici.
Come puoi vedere, il dottor Gordon non è tutto questo anti-vaccino. È stato reso famoso perché è il dottore che cura il figlio di Jenny McCarthy, e non è nemmeno questo l'anti-vaccino. Il Dr. Gordon si è guadagnato la reputazione di essere anti-vaccino perché è contro alcuni vaccini e l'attuale programma vaccinale raccomandato.

image-10666
Dr. Suzanne Humphries

Dr. Suzanne HumphriesSono un medico di formazione convenzionale che partecipava al sistema convenzionale dal 1989 al 2011. In quegli anni ho visto quanto spesso quell'approccio fallisse nei pazienti e creasse nuove malattie.
Ho lasciato la medicina convenzionale per studiare i molti problemi con la teoria medica tradizionale.
Non considero il mio compito non è dire a qualcuno se vaccinare o meno. È il mio compito è capirci il più possibile sui vaccini e dare alle persone una comprensione più completa da cui fare le loro scelte. Questa non è mai stata una priorità per i servizi di sanità pubblica. In effetti esiste un'ampia documentazione che la priorità era esattamente l'opposto, e in realtà di sopprimere 'tutti i possibili dubbi, se ben fondati o meno' relativi ai vaccini.
Il seguente documento è il registro federale americano DHHS del 1984, che elencava le regole finali relative alle campagne di vaccinazione contro la polio negli Stati Uniti dopo tre decenni di scandali e disinformazione.
articolo sul vaccino
image-10667
Questa priorità ha messo a repentaglio molte vite in quanto i principali problemi con la vaccinazione sono stati e sono trascurati dai responsabili delle politiche sui vaccini.
Ci sono molti problemi con la scienza che sta alla base delle informazioni sui vaccini. Devo ancora incontrare un pediatra che sia sufficientemente informato per offrire il consenso informato. L'immunità infantile è stata fraintesa dagli immunologi, come ammette la letteratura immunologica. Solo di recente sono state date risposte a domande importanti sul perché i sistemi immunitari infantili non funzionano come quelli adulti. C'è una buona ragione per la tolleranza che ha un bambino, e la risposta non è quella di interrompere il programma con l'alluminio e i vaccini per aumentarlo. Questo è noto per avere conseguenze a lungo termine.
Vi è una scarsità di studi che mettono a confronto i bambini mai vaccinati, con bambini parzialmente o completamente vaccinati. In termini di studi sulla sicurezza, uno dei problemi principali è che la maggior parte degli studi sui vaccini utilizza un altro vaccino come placebo di controllo o usa la sostanza di fondo del vaccino. C'è solo uno studio recente ( Cowling 2012 ) in cui è stato utilizzato un vero placebo salino, piuttosto che un altro vaccino o il fluido vettore contenente tutto tranne l'antigene principale. Questo studio non ha mostrato differenze nell'infezione virale dell'influenza tra i gruppi, ma sorprendentemente ha rivelato una percentuale 5-6 volte più alta di infezioni virali non influenzali nei vaccinati. Non c'è da meravigliarsi che i placebo più veri non vengano utilizzati nella ricerca sui vaccini.

image-10668
Dr. Tenpenny, DO

Dr. Tenpenny, DOIl dott. Sherri Tenpenny è ardentemente anti-vaccino. Ha trascorso innumerevoli ore a fare ricerche sul dibattito sui vaccini e ha familiarità con tutti gli argomenti a favore e contro. Lei è categoricamente contraria ai vaccini. Lei, come gli altri medici di questa lista, è stata accusata di incappare in paure da vaccino, ma quale parte del dibattito sta davvero facendo più soldi?
Mi si spezza continuamente il cuore che le persone debbano subire personalmente un grave infortunio da vaccino - o osservare una reazione seria in qualcuno che amano - prima di svegliarsi con la verità assoluta: i vaccini possono causare danni. Hanno ascoltato gli argomenti e le storie degli altri. Ignorarono i motivi dei rischi e misero a tacere le preoccupazioni sulle reazioni dei vaccini avanzate da amici preoccupati. Invece, si fidavano del loro pediatra disinformato o si lasciavano andare alla pressione della loro suocera RN malata.
E ora, sono rimasti a tenere la borsa, per così dire: una tragedia terribile e una vita di cure mediche e spese mediche, mentre guardano la salute della loro amata deteriorarsi davanti ai loro occhi indifesi, dispiaciuti, arrabbiati. Gardasil da solo ha avuto più di 38.000 eventi avversi segnalati fino a marzo 2015. E tale numero è stimato essere solo il 10% di tutti gli eventi avversi effettivi.  SaneVax.org   documenta il caso, dopo un caso costoso, di ragazze ferite con enormi spese mediche dopo questo vaccino - e Gardasil è solo uno dei 16 vaccini somministrati ai bambini. Quanti dollari vengono effettivamente spesi per le ferite da vaccino, cercando una diagnosi, pagando i farmaci e cercando disperatamente di trovare un modo per invertire il danno? Il vero costo della vaccinazione è più del  costo di acquisto  a somministrare vaccini. Le decine incalcolabili di milioni spesi per infortuni non sono inclusi nei calcoli.

image-10669
Dr. Andrew Wakefield

Dr. Andrew WakefieldIl Dr. Wakefield è un gastroenterologo e ricercatore che ha seguito le prove in cui è stato condotto. Nel 1998, Wakefield, il prof. John Walker Smith, il dott. Simon Burch e altri 10 coautori hanno pubblicato un articolo sul Lancet, British Medical Journal, che mostrava una possibile correlazione tra il vaccino MMR e la disfunzione gastrointestinale risultante insieme allo sviluppo ritardi e autismo. Sebbene il documento non indicasse un effetto causale conclusivo, affermò la necessità di ulteriori studi sulla possibilità che il vaccino MMR era la colpa. Wakefield ha continuato a segnalare pubblicamente la possibilità, criticando il vaccino MMR e chiedendo la separazione dei tre vaccini.
Leggi qualsiasi articolo pro-vaccino che contesti il ​​legame tra vaccinazioni e autismo e le probabilità sono Andrew Wakefield e questo studio fraudolento sarà menzionato. Il suo reato non era tanto essere un separatista di vaccini quanto lui nel mettere in discussione il dogma del vaccino. Questo lo rese anche un grande nemico di Big Pharma.
Il Dr. Wakefield fu accusato di frode e successivamente perse la licenza medica. Soprannominato il padre del movimento anti-vaccino, Wakefield è stato sia riverito che diffamato, a seconda di quale parte dell'argomento usi il suo nome. La cosa bizzarra è che non è un anti-vaccino. È, tuttavia, un critico del vaccino MMR e ha dichiarato pubblicamente che i vaccini contro il morbillo, la parotite e la rosolia dovrebbero essere somministrati separatamente.
Nel 1999, ho proposto che il rischio di autismo MMR possa, in parte,possa essere una funzione dell'età di esposizione: più giovane si ottiene il vaccino maggiore è il rischio. Perché? Perché, più giovane si ottiene il morbillo, maggiore è il rischio di un esito avverso. Questa idea è stata condivisa con il CDC. Hanno testato l'ipotesi nei bambini nell'area metropolitana di Atlanta e hanno scoperto che era vero.
Hanno trovato oltre l'ombra del dubbio che due sottogruppi di bambini erano a rischio: bambini che erano effettivamente normali all'età di 1 e ragazzi neri. Nascosero questo rischio per 13 anni e ingannarono tutti, mettendo a rischio milioni di bambini. Nelle parole del Dr. William Thompson, lo scienziato senior responsabile di questo studio, per l'analisi dei dati e per la divulgazione della frode: sono stato coinvolto nell'ingannare milioni di contribuenti riguardo ai potenziali effetti collaterali negativi dei vaccini.
Ho presentato una denuncia formale all'Ufficio per l'integrità della ricerca che descrive in dettaglio la frode. È previsto per voi di esaminare. La questione è attualmente oggetto di indagine da parte del Congresso degli Stati Uniti con la prospettiva di audizioni entro la fine dell'anno.

image-10670
Dr. Lawrence Palevsky

Dr. Lawrence PalevskyNon ho voltato le spalle quando ho sentito genitore dopo genitore - a dozzine, a centinaia, e poi a migliaia - iniziare a dire che i loro figli stavano bene, poi sono stati vaccinati, e poi qualcosa di veramente brutto è successo a loro acutamente o entro giorni, settimane o addirittura mesi. A quei genitori fu detto il 100% delle volte dal sistema medico convenzionale: "È una coincidenza. Non potrebbe essere correlato al vaccino."
Come persona che è curiosa di scienza e di domande, è diventato ovvio per me che potrebbe non esserci una coincidenza qui e che potrebbe succedere qualcosa di più.
La letteratura è abbastanza favorevole al fatto che i vaccini hanno esiti avversi molto maggiori sul genotipo del corpo, sul sistema immunitario del corpo, sul cervello del corpo e sulle funzioni intracellulari del corpo di quanto non siamo disposti a dire al pubblico.
I sostenitori del vaccino sostengono che ci sono migliaia di studi che dimostrano che i vaccini sono sicuri. Il dott. Palevsky spiega perché quegli studi sono difettosi.
... per permetterci di approfondire veramente questi studi, dobbiamo considerare chi ha sostenuto gli studi. Qual è stato il design dello studio? Quali erano i gruppi di controllo? Quanto era grande il numero effettivo di bambini o adulti che era stato usato in quegli studi? Penso che vedremo che nella maggior parte di questi studi, la sicurezza effettiva non è mai stata dimostrata.
Uno dei motivi per cui penso che possiamo dire in modo equo che i produttori di vaccini e le organizzazioni mediche convenzionali non hanno fatto studi che paragonano i bambini vaccinati a quelli non vaccinati. Per sapere veramente se i bambini vaccinati hanno un effetto avverso da un vaccino, dobbiamo usare un gruppo placebo a cui è stata somministrata un'iniezione di soluzione fisiologica forse normale per valutare se hanno sviluppato o meno gli stessi sintomi dei bambini che erano vaccinati e se possono svilupparsi dopo essere stati iniettati con il vaccino.
Questi studi non sono fatti. Non sono fatti perché il sistema medico convenzionale dice che non è etico lasciare i bambini non vaccinati per un certo periodo di tempo. Ma la maggior parte degli studi sulla sicurezza dei vaccini che vengono fatti durano comunque da una a quattro settimane. I bambini sono seguiti in quelle da una a quattro settimane. Quindi, non vengono seguiti in modo molto dettagliato per riconoscere se uno qualsiasi dei loro esiti di salute potrebbe essere correlato al vaccino che hanno ottenuto da una a quattro settimane fa.
Quello che finisce per accadere è che confrontano i tassi di incidenza di queste reazioni vaccinali o di questi sintomi che i bambini ricevono dopo essere stati vaccinati alla frequenza con cui questi sintomi sono osservati nella popolazione generale, per verificare se questo gruppo vaccinato è in qualche modo un aumento dell'incidenza di questi sintomi rispetto alla popolazione generale. Ma il nocciolo della questione è che la popolazione generale è vaccinata, quindi stanno confrontando un gruppo vaccinato con un gruppo vaccinato.

Dott. Buchwald, MD

Il declino delle malattie infettive nei paesi sviluppati non ha avuto nulla a che fare con le vaccinazioni, ma con il declino della povertà e della fame.

Dr. Glen Dettman

È patetico e ridicolo dire che abbiamo mai vinto il vaiolo con i vaccini, quando solo il 10% della popolazione è stato mai vaccinato.

Dr. Archie Kalokerinos, MD

Fino al 90% del declino totale del tasso di mortalità dei bambini tra il 1860 e il 1965 a causa della pertosse, della scarlattina, della difterite e del morbillo si è verificato prima dell'introduzione delle vaccinazioni e degli antibiotici.

Dr. Mendelsohn, MD

Il mio sospetto, condiviso da altri nella mia professione, è che i quasi 10.000 decessi di SIDS che si verificano negli Stati Uniti ogni anno sono legati a uno o più dei vaccini somministrati abitualmente ai bambini. Il vaccino contro la pertosse è il più probabile, ma potrebbe anche essere uno o più degli altri.

Peter Baratosy, MD PhD, Australia

Vedo molti bambini nella mia pratica. Vedo la differenza tra immunizzato e non immunizzato. I non vaccinati sono molto più sani e hanno meno infezioni, raffreddori, otite media e tonsillite.

John B.Classen, MD, MBA

I miei dati dimostrano che gli studi utilizzati per sostenere l'immunizzazione sono così difettosi che è impossibile dire se l'immunizzazione offre un beneficio netto a chiunque o alla società in generale. Questa domanda può essere determinata solo da studi appropriati, che non sono mai stati eseguiti. Il difetto degli studi precedenti è che non è stato osservato alcun follow-up a lungo termine e non è stata osservata tossicità cronica. L'American Society of Microbiology ha promosso la mia ricerca ... e riconosce così la necessità di studi adeguati.

Raymond Obomsawin, PhD

Il ritardo dell'immunizzazione DPT fino a 2 anni in Giappone ha comportato un drastico calo degli effetti collaterali negativi. Nel periodo 1970-1974, quando la vaccinazione DPT è iniziata dai 3 ai 5 mesi di età, il sistema di indennizzo nazionale giapponese ha pagato richieste per 57 casi di vaccino con danni permanenti e 37 decessi. Durante il successivo periodo di sei anni 1975-1980, quando le iniezioni di DPT sono state ritardate a 24 mesi di età, le gravi reazioni del vaccino sono state ridotte a un totale di otto con tre decessi. Ciò rappresenta una riduzione dell'85-90 percento nei casi gravi di danno e morte.

Dr. Howard Weiner, Immunologo, Harvard Medical School

Se una persona ha una tendenza verso una malattia, ad una certa età, un vaccino potrebbe renderlo più suscettibile più tardi quando arrivano altre sfide.

Philip Incao, MD Testimonianza sul vaccino contro l'epatite, Ohio, 3/1/99

Un punto critico, che non viene mai menzionato da coloro che sostengono la vaccinazione di massa, è che la salute dei bambini è diminuita significativamente dal 1960, quando i vaccini hanno iniziato ad essere ampiamente utilizzati. Secondo la National Health Interview Survey condotta annualmente ... uno scioccante 31% dei bambini statunitensi oggi ha problemi di salute cronici ... Nella mia carriera medica, ho curato i bambini vaccinati e non vaccinati, e i non vaccinati erano molto più sani e robusti. Allergie, asma e disturbi comportamentali e dell'attenzione erano chiaramente più comuni nei miei pazienti giovani che erano stati vaccinati.

Mary N. Megson, MD

L'autismo può essere un disturbo legato all'interruzione della proteina G-alfa, che colpisce i recettori dei retinoidi nel cervello. Uno studio su sessanta bambini autistici suggerisce che l'autismo può essere causato dall'inserimento di un difetto della proteina G-alfa, la tossina della pertosse trovata nel vaccino DPT, in bambini geneticamente a rischio.

Guylaine Lanctot MD

Le autorità mediche continuano a mentire. La vaccinazione è stata un disastro sul sistema immunitario. In realtà causa un sacco di malattie. Stiamo cambiando il nostro codice genetico attraverso la vaccinazione.

Dr. Kalokerinos, MD

Era simile alla vaccinazione contro il morbillo. Attraversarono l'Africa, il Sud America e altrove, e vaccinarono bambini ammalati e affamati ... Pensavano che stessero spazzando via il morbillo, ma la maggior parte di quelli suscettibili al morbillo morì a causa di qualche altra malattia che svilupparono a seguito della vaccinazione. La vaccinazione ha ridotto i loro livelli immunitari e si è comportata come un'infezione. Molti hanno la setticemia, la gastroenterite, eccetera, o peggiorano il loro stato nutrizionale e sono morti per malnutrizione. Quindi c'erano pochissimi bambini suscettibili rimasti in vita per ottenere il morbillo. È un modo per ottenere buone statistiche, uccidere tutti quelli che sono suscettibili, che è quello che hanno fatto letteralmente.

Conclusione

L'AMA è sempre stato corrotto. Basta guardare indietro ai loro vecchi consigli per fumare tabacco. L'AMA è stato anche denunciato per aver mantenuto un boicottaggio illegale di chiropratici. Il loro consiglio esperto è sempre stato in vendita al miglior offerente. 
Il CDC non è diverso. Recentemente sono stati visitati per coprire il legame tra il vaccino MMR e l'autismo nei bambini afroamericani. Il loro comitato consultivo è pieno di esperti del settore che promuovono il proprio interesse personale. L'AAP sembra funzionare principalmente per i produttori di vaccini.

Esistono due tipi di esperti pro-vaccino; coloro che rigurgitano la retorica pro-vaccino e coloro che vengono pagati dalle industrie farmaceutiche. La maggior parte dei regolatori è il secondo tipo di esperto. (Sappiamo tutti discorsi di denaro e grida di denaro). Non puoi fare tutte le ricerche e giungere alla conclusione che i vaccini sono sicuri. 
Quelli che fanno la ricerca invariabilmente respingono tutti i vaccini, o rifiutano molti di essi.